/ Politica

Politica | 20 giugno 2024, 10:20

SAMARATE AL BALLOTTAGGIO. Enrico Puricelli: «Con il Pnrr ho ottenuto milioni di euro per la città e ne cambierò il volto»

Il candidato sindaco di Lega, Forza Italia e Fratelli d'Italia racconta scelte politiche, motivazioni e programma ai cittadini che andranno a votare domenica e lunedì. E spiega perché non votare il suo avversario

SAMARATE AL BALLOTTAGGIO. Enrico Puricelli: «Con il Pnrr ho ottenuto milioni di euro per la città e ne cambierò il volto»

Samarate tra poche ore sceglierà il futuro sindaco. I seggi per il turno di ballottaggio saranno aperti domenica 23 giugno (dalle ore 7 alle 23) e lunedì 24 giugno (dalle ore 7 alle 15). Abbiamo chiesto a ciascuno dei due candidati del ballottaggio di rispondere a sei domande. Ecco le risposte di Enrico Puricelli, 59 anni, candidato sindaco passato al primo turno con Lega, Forza Italia e Fratelli d'Italia: nessun apparentamento al secondo turno.

1. Perché  i cittadini di Samarate dovrebbero votare lei?

Sono stato sempre disponibile, raggiungibile, a portata del cittadino. Durante il Covid tantissimi cittadini lo hanno toccato con mano. Nel post Covid sono stato capace di ottenere milioni di euro per la città dal Pnrr e non solo. Cambieranno il volto della città tra poco; mi spiacerebbe che fosse un altro a tagliare i molti nastri.

2.  Spieghi chi la sostiene e perché 

Mi sostengono le forze politiche di centrodestra, oggi Lega, Fdi e FI; rappresentano una coalizione che in continuità ha eletto i sindaci di Samarate dal 2010;  hanno scelto la mia candidatura per dare continuità a progetti e idee nati dopo il Covid per rilanciare la città e che sono ai nastri di partenza.

3. Perché i samaratesi non dovrebbero votare il suo avversario?  

Tutta la sua campagna elettorale è stata improntata su messaggi di critiche alla mia amministrazione; non ho colto vere idee e quale Samarate vorrebbe disegnare per il futuro. Si diventa sindaco “per” qualcosa e non “contro” qualcuno.

4. Indichi le tre priorità del suo programma.

Sarebbe limitativo sceglierne tre. È fondamentale portare a termine quello che si è iniziato con il mio primo mandato: tutte le opere del Pnrr. Avviare la Casa di Riposo. Continuare con le politiche sulla famiglia ed i soggetti più fragili. 

5. Qual è la prima cosa che farebbe da sindaco? 

C’è troppa cattiveria in questa campagna elettorale; chiederei ai miei avversari di sotterrare l’ascia di guerra e collaborare ognuno nel suo ruolo per il bene della città. Sono stato e voglio essere il sindaco di tutti i samaratesi.

6. La sua giunta sarà… 

Ancora più forte; il nuovi rapporti di forza tra Lega, FdI e Fi impongono un profondo rinnovamento: ci saranno volti nuovi e ogni gruppo potrà mettere a disposizione le loro donne e i loro uomini migliori.

Ipe

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A LUGLIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore