/ Cultura

Cultura | 08 febbraio 2024, 17:09

Tre sorelle zitelle al San Giovanni Bosco

Toccherà al don Giovanni di paese spartirsi le tre sorelle nate dalla fantasia di Piero Chiara e rivisitate da “Teatro in mostra” domani, 9 febbraio, sul palcoscenico di Sant’Edoardo

Tre sorelle zitelle al San Giovanni Bosco

La storia piccantella di tre sorelle zitelle circuite da un attempato don Giovanni di paese. Tratto da uno dei romanzi più belli e famosi di Piero Chiara, sale alla ribalta del palcoscenico del San Giovanni Bosco di Busto Arsizio “La spartizione ovvero venga a prendere il caffè da noi”.

A rivisitare la pièce, venerdì 9 febbraio (ore 21) “Teatro in mostra”, con la drammaturgia e regia di Marco Filatori e la partecipazione di Alessandro Baito, Gabriella Foletto, Antonio Grazioli, Laura Negretti. Silvia Ripamonti, Ermanno Stea.

La rappresentazione avrà un taglio divertente e frizzante e con un finale che ha tanto da insegnare: «Un lieto fine che parla di riscossa femminile, di sorellanza e di capacità di riappropriarsi del proprio corpo, per niente scaduto», si legge in una nota di regia.

La trama

Siamo a Luino, fine anni Cinquanta. Un solerte funzionario statale e reduce di guerra, giunto scapolo alla soglia della mezza età, matura la solenne decisione di prendere moglie. La scelta cade sulla bruttina e non più giovane, ma benestante, Fortunata che vive insieme alle due altrettanto brutte sorelle minori. L’inaspettata corte dell’interessato pretendente mette però a rischio il consolidato ménage familiare delle tre zitelle, ciascuna ben determinata a farlo innamorare di sé. All’uomo non rimarrà altro che accettare la situazione e farsi spartire fra le tre.

L. Vig.

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A FEBBRAIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore