/ Storie

Storie | 20 maggio 2023, 11:30

VIDEO E FOTO. «Ognuno ha qualcosa da dare e da ricevere». Gioveteatro sul palco per l’inclusione ed è tutto esaurito

È stato un successo lo spettacolo dei ragazzi diversamente abili di “Insieme è bello”, tra ironia e riflessione a Olgiate

VIDEO E FOTO. «Ognuno ha qualcosa da dare e da ricevere». Gioveteatro sul palco per l’inclusione ed è tutto esaurito

Il teatro Don Pino Ballabio di Olgiate Olona era così gremito di persone che molte non hanno trovato posto. Ieri - venerdì 19 maggio - il pubblico richiamato dai ragazzi diversamente abili di Gioveteatro, dell’associazione “Insieme è bello” di Solbiate Olona, era numerosissimo.

Nessuno si aspettava questa affluenza da record, che ha costretto alcuni a rinunciare allo spettacolo per la mancanza di posti. Ma per gli sfortunati potrebbe esserci una seconda possibilità: non è esclusa l’idea di una o più repliche. Il ritorno in scena dopo la pandemia è stato un vero successo, ma soprattutto una festa.

Lo spettacolo “Ti ricordi i favolosi anni 60” ha attirato un pubblico di varie età: dai nostalgici che hanno vissuto quel periodo ai più piccoli, curiosi conoscere la realtà in cui vivevano i genitori.

Il musical si è adattato perfettamente a tutti gli spettatori: sempre con ironia, ha saputo offrire spunti per riflettere sul tema dell’inclusione.

Questo spettacolo - già presentato anni fa con altri attori - ha seguito una famiglia nel suo viaggio in America presso un cugino. Tra Vespe, prime lavatrici e televisori, il pubblico è stato portato indietro nel tempo in una tipica casa degli anni Sessanta, periodo di progresso, ma anche di grande confusione e diffidenza.

Non è stato facile, per la famiglia, convincere la nonna a salire sull’aeroplano, quella nonna che credeva che Albano e Romina si facessero “piccoli piccoli” per cantare nel suo televisore, dentro il quale li intrappolava di notte con uno scialle.

Tra l’ansia di apparire inadeguati, l’eccitazione delle due ragazze e la paura dell’anziana, i protagonisti si sono messi in viaggio per l’America, dove hanno scoperto una cultura totalmente diversa. Alla fine, sia italiani sia americani hanno capito che «ognuno ha qualcosa da dare e da ricevere» e che occorre «accettarsi e accogliersi per quello che si è, senza limiti o pregiudizi», senza cercare di cambiare gli altri o conformarli alle mode.

Proprio l’invito all’inclusione è quello degli attori di Gioveteatro, che con simpatia hanno conquistato chi era in sala. La loro spontaneità travolgente e le battute al di fuori del copione hanno suscitato fragorosi applausi.

Molto apprezzati anche i brani musicali, che i ragazzi hanno cantato e ballato, coinvolgendo tutto il pubblico. Alcune canzoni hanno contribuito ulteriormente a creare l’atmosfera degli anni Sessanta: “Tu vuò fa’ l’americano”, “Il ballo di Simone” e “Nel blu, dipinto di blu”, che ha spinto i presenti ad accendere le torce dei cellulari e a farle oscillare.

Sulle note di un’ultima canzone, il pubblico ha accolto l’invito degli attori ad alzarsi e a ballare con loro. Così, divertendosi tutti insieme, senza distinzioni, in un clima festoso, si è conclusa la serata dedicata alla famiglia Lazzarotto e a Paolo Milan.

GUARDA IL VIDEO

 

Alessia Martignon

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A GIUGNO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore