ELEZIONI COMUNE DI OLGIATE OLONA
ELEZIONI COMUNE DI MARNATE
 / Politica

Politica | 09 maggio 2024, 16:50

Trenord, Astuti: «Nessuna legge obbliga a eliminare il bonus»

Il consigliere regionale del Pd si esprime sulla questione degli indennizzi per i ritardi ferroviari. «In Toscana c'è e si calcola sui 5 minuti»

Trenord, Astuti: «Nessuna legge obbliga a eliminare il bonus»

“L’assessore regionale ai Trasporti ci aveva detto che il bonus ritardi di Trenord era stato cancellato dalla Giunta lombarda per adeguarsi all’indennizzo, come prevedeva l’Autorità di regolazione dei trasporti con la delibera 106/2018. Noi avevamo dimostrato che non si trattava di un obbligo di legge, ma di un’autonoma scelta della destra, sostanzialmente per risparmiare sulle spalle dei pendolari. Ora ne abbiamo la dimostrazione: in Toscana hanno mantenuto la modalità” così il consigliere regionale del Pd Samuele Astuti torna, carte alla mano, sulla questione degli indennizzi per i ritardi ferroviari.

“In una recente seduta della commissione Trasporti, l’assessore ha cercato di convincerci che Regione Lombardia, innalzando al 30% il riconoscimento dell’indennizzo, stesse conducendo un’operazione di favore verso la clientela, unica in Italia – spiega Astuti -. Gli abbiamo risposto che, al contrario, le condizioni sono grandemente peggiorative per l’utenza: a differenza del bonus, l’indennizzo non viene riconosciuto automaticamente ma va richiesto, e i ritardi vengono computati sui 15 minuti, anziché sui 5. Decisione che ha fatto crollare il numero di direttrici regionali su cui viene riconosciuto il rimborso. Ad esempio, a febbraio sono state solo 3 contro le oltre 20 dei mesi precedenti.

“Attraverso una verifica effettuata in altre regioni – fa sapere il consigliere dem - abbiamo però scoperto che in Liguria e in Toscana, ugualmente sottoposte al controllo dell’Autorità, c’è ancora il bonus e non l’indennizzo e che si basa su un indice di affidabilità del servizio. Non solo: dalla Toscana abbiamo appreso che alla base del calcolo dell’indice di affidabilità vengono considerati ritardi a 5 minuti e non a 15, come fa ora la Lombardia”.

“Non è vero, dunque, che tutte le Regioni si sono adeguate all’indennizzo, come definito dalla delibera dell’Autorità di regolazione dei trasporti: esiste ancora il bonus, viene calcolato a partire dai 5 minuti di ritardo e nulla lo vieta. Per la giunta regionale si è trattato di decidere deliberatamente di far fare un deciso balzo indietro all’utenza lombarda, aggiungendo ai disservizi la beffa di non vederseli nemmeno riconosciuti” conclude Astuti.

Redazione

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A MAGGIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore