/ Busto Arsizio

Busto Arsizio | 10 febbraio 2024, 14:40

VIDEO. I giovani per Norma, «forte e solare», e per tutte le vittime delle foibe: «Abbiamo incontrato uomini e donne con il nostro stesso desiderio di libertà»

Le voci dei ragazzi un raggio di luce nel racconto del dolore al liceo Candiani. L'appello del sindaco e l'esempio virtuoso dell'accoglienza dei profughi, che tanto hanno dato a Busto

VIDEO. I giovani per Norma, «forte e solare», e per tutte le vittime delle foibe: «Abbiamo incontrato uomini e donne con il nostro stesso desiderio di libertà»

L'orrore e il dolore non si possono placare, ma le voci dei ragazzi contribuiscono a portare un terzo, decisivo sentimento nel Giorno del Ricordo a Busto Arsizio: la speranza. Quella di un'umanità migliore, che non cada in queste terribili tentazioni, umanità che possono costruire loro.

A Busto Arsizio, la pioggia taglia i tempi della cerimonia all'esterno, ma la concentra all'interno del liceo Candiani, in piazza Trento Trieste: nell'aula "Le Ali della Libertà" si arriva dopo le tappe del ricordo della mattina. Si è iniziato nella chiesa dei Santi Pietro e Paolo a Borsano, quindi omaggio floreale alla statua di San Biagio con lo spazio a don Emerico Ceci. Ancora, fiori depositati nel parco Norma Cossetto, in via Foscolo.

Tutti al liceo, infine, nell'aula gremita. Ci sono le autorità civili e militari, a prendere la parola saranno il sindaco Emanuele Antonelli e la presidente del consiglio comunale Laura Rogora.

Il primo cittadino si rivolge ai ragazzi, ribadendo un concetto già espresso alla Giornata della Memoria: «Noi abbiamo fallito e non siamo stati capaci di darvi un mondo migliore, solo voi potete farlo». 

La presidente Rogora si sofferma anche sull'incontro fruttuoso tra Busto e i profughi istriani: un'accoglienza, che significherà integrazione. E se la città ha aperto le sue braccia, loro hanno dato tanto. 

Quindi spazio ai ragazzi, che ricordano la storia di Norma Cossetto: 23 anni, bella, un carattere solare e forte. Si fida, e così si consegna. Violentata, seviziata, fino all'ultimo, infine gettata nell'abisso delle foibe insieme alle altre vittime. 

Le voci sono salde, solo a tratti si incrinano, ma a vincere è la gratitudine, nel dolore, di aver potuto approfondire questa pagina di storia. Di poter così «incontrare uomini e donne che avevano il nostro stesso desiderio di libertà», che non vanno dimenticati. Il testimone viene passato dagli studenti del liceo artistico e musicale Candiani-Bausch a quelli dello scientifico Tosi con la Croce Rossa e con l'intervento grato della professoressa Patrizia Fazzini.

IL VIDEO

ore 11.00 aula Ali della Libertà – piazza Trento Trieste
Reading degli studenti del Liceo Scientifico Arturo Tosi in collaborazione con Croce Rossa e intervento degli studenti del Liceo Artistico e Musicale Candiani Bausch.

Ma. Lu.

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A FEBBRAIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore