/ Politica

Politica | 11 settembre 2023, 17:14

Scuola, Astuti (PD): «Primo giorno ancora senza ristori per i Comuni. E con poche risorse per il funzionamento»

Scuola, Astuti (PD): «Primo giorno ancora senza ristori per i Comuni. E con poche risorse per il funzionamento»

«Per la maggioranza degli studenti, in Lombardia, domani, martedì 12 settembre, sarà il primo giorno di scuola, ma molti di loro, nei comuni lombardi, non avranno gli edifici così perfettamente agibili a causa dei mancati ristori da parte di Governo e Regione, in seguito alle alluvioni di luglio che li hanno danneggiati».

 

Lo dice Samuele Astuti, consigliere regionale del Pd, firmatario di una mozione, sostenuta da Patto civico, Azione-Italia Viva, M5s, Avs, che verrà discussa nella seduta di domani per affrontare complessivamente il tema scuola.

 

Prima di questo atto, il Gruppo regionale del Pd discuterà una question time che chiede espressamente alla Giunta Fontana «se è intenzionata a ristorare gli interventi dei Comuni sugli istituti scolastici che non hanno fatto ricorso alla procedura di ‘somma urgenza’, ma ad affidamenti già in essere, e come intende procedere nei confronti delle Province e della Città Metropolitana con le scuole secondarie di secondo grado che hanno subito danni, ma che sono rimaste escluse dai criteri stabiliti dalla stessa Regione».

 

«A noi non sembra che per il centrodestra la scuola sia una priorità, perché ogni anno richiamiamo la Regione sulla necessità di dare stabilità economica agli istituti scolastici, ma non cambia nulla – spiega Astuti –. Perciò, da un lato la mozione impegna la Giunta a ristorare gli enti locali che hanno anticipato le spese per mettere in sicurezze gli edifici educativi dopo i danni dei nubifragi, dall’altro a stanziare fondi aggiuntivi per gli assistenti educativi, a promuovere misure che favoriscano gli interventi di abbattimento delle barriere architettoniche, a fare in modo di dare tutto il tempo necessario a scuole e Comuni per reperire gli insegnanti e gli assistenti di sostegno, a potenziare gli strumenti di didattica digitale integrativa, a stanziare fondi per abbattere il caro affitti per i docenti che provengono da fuori regione».

C.S.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore