/ Busto Arsizio

Busto Arsizio | 23 maggio 2023, 10:04

Solidarietà a km zero: 200 kit con beni di prima necessità confezionati dai dipendenti per le famiglie in difficoltà di Busto

L'iniziativa al Campus Reti, quest'oggi dalle 14.30 alle 16.30. Il progetto coinvolge, su base volontaria, i dipendenti dell'azienda di Busto

Solidarietà a km zero: 200 kit con beni di prima necessità confezionati dai dipendenti per le famiglie in difficoltà di Busto

Reti, tra i principali player italiani nel settore dell’IT Consulting, specializzata nei servizi di System Integration, B Corp e società benefit quotata su Euronext Growth Milan, lancia per la prima volta l’iniziativa Rise Against Hunger Experience, in collaborazione con Rise Against Hunger, organizzazione no profit impegnata nella lotta contro la fame.

Oggi, 23 maggio, dalle ore 14.30 alle 16.30, in Campus Reti sarà possibile vivere un’esperienza di volontariato che si pone come obiettivo quello di aiutare le famiglie di Busto Arsizio che hanno subìto gli effetti della pandemia e che presentano fragilità a livello economico.

Il progetto coinvolgerà, su base volontaria, i dipendenti di Reti, i quali formeranno una catena di montaggio per il confezionamento di 200 kit ad uso domestico contenenti beni di prima necessità (pasta, riso, legumi, ecc.). Ogni kit è pensato per garantire una percentuale del fabbisogno alimentare di una persona per un periodo di due settimane. Reti, inoltre, collaborerà con la Caritas Decanale di Busto Arsizio, una delle associazioni più attive del territorio, per la distribuzione porta a porta dei kit alle famiglie bisognose di Busto Arsizio.

Per i dipendenti che decideranno di prendere parte a questa iniziativa, sarà possibile usufruire di due ore di permesso welfare per le attività di volontariato, come previsto dal Piano Welfare 2023 di Reti.

«Il nostro impegno vuole essere un aiuto concreto alle famiglie bisognose del territorio - ha dichiarato Bruno Paneghini, Presidente e Amministratore Delegato di Reti SpA - Da sempre Reti crea sinergie, coinvolgendo le associazioni locali, ma anche e soprattutto i propri dipendenti, per generare un impatto positivo. Per noi, infatti, è importante operare quotidianamente sul territorio non soltanto a livello di business, ma anche supportando e sostenendo parallelamente la comunità. Giorno per giorno, con questi progetti - conclude Paneghini - vogliamo impegnarci e contribuire a creare un futuro migliore».

Redazione

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A APRILE?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore