/ Territorio

Territorio | 13 febbraio 2023, 16:00

Giorno del Ricordo a Cassano Magnago: coinvolgimento e qualche assenza

Ricostruisce l’assessore all’Istruzione, Alessandro Passuello: «I rappresentanti di maggioranza c’erano, quelli di opposizione no». Il sindaco, Pietro Ottaviani: «Dalle scuole è arrivata la richiesta di organizzare ulteriori momenti»

Giorno del Ricordo - La cerimonia al cimitero di Cassano Magnago

Giorno del Ricordo - La cerimonia al cimitero di Cassano Magnago

All’indomani del Giorno del Ricordo (il 10 febbraio, in molti comuni spostato a domenica 12 per esigenze di calendario) a Cassano Magnago prevale la soddisfazione per un momento che i partecipanti definiscono memorabile ed emozionante. Ma qualche assenza alla cerimonia dedicata a vittime delle foibe ed esuli si è fatta notare. Una stonatura. Non così marcata da rovinare la rievocazione dei fatti maturati sul confine orientale, durante e dopo la seconda guerra mondiale, ma abbastanza sonora per essere percepita.

«Al cimitero – fa notare l’assessore all’Istruzione, Alessandro Passuellonon c’era neanche un rappresentante delle minoranze in Consiglio comunale: Pd, Lega, Forza Italia, Cassano Futura». «Ho visto un esponente della Lega , ma non si trattava di un consigliere» conferma il sindaco, Pietro Ottaviani. Qualche assente, per usare una definizione tipica dell’appello in assemblea civica, era “giustificato”, in particolare a causa della concomitanza fra commemorazione e voto per le regionali. Ma ha destato sorpresa il fatto che non si sia presentato nessun consigliere di opposizione.

Passuello parla di «…mancanza di rispetto per i caduti, per quello che la politica dovrebbe insegnare: partecipare per ricordare, per fare sì che certe cose non succedano più, per avvicinare i ragazzi alle istituzioni». Non ci sono segnali su una mancata condivisione dei valori sottostanti il Giorno del Ricordo, che notoriamente ha faticato a entrare nel calendario dei più importanti momenti istituzionali dedicati alla storia d’Italia ma che, ormai, è pressoché unanimemente riconosciuto. Più probabile che le assenze eccellenti siano frutto di distrazione o di una sfortunata sovrapposizione di impegni.

«È comunque un peccato – ribadisce Passuello – anche considerando il contributo dato dai partecipanti: Forze Armate e dell’Ordine, Polizia Locale, studenti delle scuole medie». «Il coinvolgimento è stato tale – conclude il primo cittadino - che qualche prof ci ha chiesto di organizzare ulteriori momenti. Ci penseremo».

Stefano Tosi

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A FEBBRAIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore