ELEZIONI COMUNE DI OLGIATE OLONA
ELEZIONI COMUNE DI MARNATE
 / Legnano

Legnano | 08 febbraio 2022, 22:38

Sicurezza in rete, l'Sos dei giovani: «Subiamo atti di bullismo, ma non troviamo il coraggio di dirlo»

Dall'esito della ricerca affrontata dall'Istituto superiore Carlo Dell'Acqua di Legnano la testimonianza e l'appello ai genitori: «Osservateci»

Sicurezza in rete, l'Sos dei giovani: «Subiamo atti di bullismo, ma non troviamo il coraggio di dirlo»

Sicurezza in rete, i giovanissimi chiedono attenzione. Per il Safer Internet Day 2022,  l'istituto superiore Carlo Dell'Acqua di Legnano, capofila della Rete Ri-connect presenta gli esiti della ricerca sui giovani tra gli 11 e i 19 anni dell'Alto Milanese, durante l'evento di Regione Lombardia della mattinata odierna.

Simona Michelon direttore esecutivo della rete – riporta alcuni dati interessanti: emerge che i ragazzi chiedono ai genitori di sostenerli osservandoli, mentre agli insegnanti chiedono di permettere loro di fare lavori di gruppo e di non basarsi solo sui voti. In settimana verrà lanciato l'Hackathon RiConnect per gli istituti formativi e di istruzione primaria e secondaria,che punta alla riflessione personale e alla produzione di un artefatto di classe. L'obiettivo è conoscersi, per capirsi e rispettarsi nella propria unicità. Chi e interessato può scrivere a ri-connect@isdellacqua.edu.it  

La testimonianza

Racconta un giovane: «Ho spesso pensato di dire a qualcuno che ogni giorno sia a scuola che fuori, che online, subisco atti di bullismo ma non ho mai trovato il coraggio e di questo me ne pento. Ho provato a raccontarlo ai miei genitori ma ho sempre paura della loro reazione quindi non racconto mai questi fatti in casa ma lo faccio con i miei amici (...). Come ho detto prima non ho mai trovato il coraggio di dirlo a nessuno, anche quando eravamo piccoli e questo si nota dai miei comportamenti quando subisco delle offese. Ora che ci ripenso sarebbe stata la cosa più giusta raccontare come stanno le cose ad un adulto ma ormai è troppo tardi. Fra i miei amici sono lo zimbello... dopo poco che inizia a correre deve smettere perché non ce la fa più... Quando mi vedo allo specchio penso perché sono così... da piccol* ho sbagliato qualcosa? Spesso provo a pensare se fossi stat* normale. Avrei avuto più amici oppure no? La risposta ce l'ho già».

E ancora: «Da un po' di mesi pratico il nuoto e dopo questo sono passat* da:" Quell* che non muove nemmeno un dito" a "quell* che fa sport ma non dimagrisce".Mi sento a disagio quando sono in compagnia di gente che conosco (e non) e penso: "PERCHÉ SONO AL MONDO?". Chiedo aiuto a psicologi ma non ricevo mai una risposta. Credo che la mia situazione sia un caso perso…».

Parole e pensieri, azioni e cambiamenti. Rete Riconnect  

Redazione

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A MAGGIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore