ELEZIONI COMUNE DI OLGIATE OLONA
ELEZIONI COMUNE DI MARNATE
 / Meteo e ambiente

Meteo e ambiente | 10 aprile 2024, 23:36

A scuola in bici: «Sorge la necessità di azioni concrete e consapevoli »

Il mobility manager dell'Ite Tosi di Busto spiega dove comincia l'impegno per la sostenibilità. «La vera sfida è rivolta alla mobilità leggera»

A scuola in bici: «Sorge la necessità di azioni concrete e consapevoli »

Sono da poco passate le 7 e 30 del venerdì mattina e i ragazzi dell’ITE Tosi ritrovano all’inizio del viale Stelvio. Motivo? Vanno a scuola in bicicletta (LEGGI QUI).

Comincia da lontano la “sfida” dell’ITE Tosi alla mobilità leggera per la scuola.

“Nel cuore della sfida ambientale globale, sorge la necessità di azioni concrete e consapevoli e per questo motivo il nostro istituto promuove diverse iniziative di sostenibilità, attività essenziali per preservare il nostro pianeta per le generazioni future.”

“Ma non si tratta di una sola azione – ci spiega il professor Daniele Lorusso, Mobility Manager della scuola – ma di un insieme di iniziative di cui la mobilità leggera degli studenti è una parte importante, probabilmente la più visibile, che comincerà a dare risultati tangibili nel corso degli anni, inaugurando oggi un nuovo modo di andare a scuola. Forse più che inaugurare un nuovo modo si potrebbe parlare di riapprezzare un modo di andare a scuola.”

“Nell’ambito delle iniziative green, a scuola per esempio grazie ai pannelli fotovoltaici sul tetto, trasformiamo la luce solare in energia pulita per alimentare il nostro complesso scolastico. Ogni raggio di sole contribuisce a ridurre la nostra impronta ecologica!
Gli spazi interni alla scuola sono stati recentemente rinnovati con decorazioni Green e piccoli modelli di bosco verticale migliorando sia l’ambiente sia l'umore di chi li vive.

Le classi seconde internazionali hanno partecipato a un Hackathon sui cambiamenti climatici dopo aver visitato la mostra sul clima a Venezia e questo è solo uno dei modi in cui stiamo educando le nuove generazioni alla sostenibilità.
Abbiamo allestito negli spazi esterni della scuola un’area per la sosta delle biciclette e delle moto dotata anche di colonnine di ricarica elettrica.

“Ma la vera sfida – ribadisce Lorusso - è rivolta alla mobilità leggera.”
Dobbiamo rispettare le regole e promuovere la mobilità leggera per ridurre l'inquinamento, la congestione del traffico in città, il rischio di collisioni e alla fine migliorare la qualità della vita per tutti. Non è semplice, occorre vincere diffidenze, un po' di pigrizia ed anche una mancanza di infrastrutture capillarmente diffuse. Ma bisogna cominciare. I risultati arriveranno, ne siamo convinti. E noi vogliamo fare la nostra parte.”
Per usare parole famose possiamo dire che “Un piccolo passo per noi, ma un grande passo per il nostro pianeta.”
E quindi è il venerdì, il giorno che l'ITE "Tosi" dedica al progetto di sensibilizzazione alla mobilità leggera. “E già da diverso tempo – dice Lorusso - alcuni docenti hanno scelto di venire a scuola in bicicletta. Con ottimi risvolti personali e sull’ambiente.”
“Per non partire alla cieca, durante i mesi scorsi abbiamo fatto un sondaggio, indagando sulle abitudini di mobilità della comunità dei nostri studenti con risultati incoraggianti che ci hanno spinto a proseguire su quella strada.”
E quindi a meno di un mese dall’inizio della primavera eccoli qui per inaugurare un cammino virtuoso
E cosa c’è di meglio che accogliere i raggi del sole e l’aria fresca pedalando verso la scuola?
“Al Tosi, siamo entusiasti di annunciare il ritorno della nostra iniziativa “A scuola in bicicletta” e siamo convinti che come altri ci hanno preceduto anche altri vorranno seguire il nostro esempio.”

Che dire, visto l’entusiasmo che la scuola ed i ragazzi mettono nell’iniziativa, buona fortuna.

per cortesia di Marco Fardelli

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A MAGGIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore