/ Busto Arsizio

Busto Arsizio | 15 marzo 2024, 16:05

Addio a Pietro Mazzucchelli, 103 anni: la guerra, la prigionia e poi una meravigliosa famiglia. Con la montagna nel cuore

Pietro aveva partecipato alla campagna di Russia ed era stato due anni in un campo in Germania arrivando a pesare 45 kg. Ha segnato la storia del Cai

Addio a Pietro Mazzucchelli, 103 anni: la guerra, la prigionia e poi una meravigliosa famiglia. Con la montagna nel cuore

Ha combattuto nella campagna di Russia, è stato catturato dai tedeschi e per due anni ha subito le torture in un campo di prigionia in Germania. La vita non è stata semplice per Pietro Mazzucchelli, il bustocco che il 19 settembre prossimo avrebbe compiuto 104 anni. Classe 1920, alla Provvidenza di Busto si è spento l’arzillo nonnino che aveva sempre il sorriso sulle labbra ed era sempre allegro.

La sua vita non è stata semplice, dicevamo: durante la guerra è stato in prima linea. Ma lui non ci teneva a raccontare quel periodo della prigionia in Germania: ha sofferto tanto, soprattutto la fame: era costretto a nutrirsi con bucce di banane e patate, è arrivato persino a pesare 45 chili. Non ci teneva a raccontare quella campagna di Russia. «Ricordava solo qualche aneddoto legato all’accoglienza della popolazione ucraina – racconta il figlio Alberto – Poi è riuscito a salvarsi, infilandosi come operaio in una fabbrica: lì almeno mangiava e stava un po’ meglio, finché nel ’45 è stato liberato dagli americani».

Di certo la guerra lo ha provato tanto, ma l’invidiabile longevità avrà pure un segreto. «Era appassionato di montagna – prosegue il figlio – ha segnato la storia del Cai. Era legatissimo ai rifugi Maria Luisa e Città di Busto e amava sciare, tant’è che questa sua passione per la montagna era riuscito a trasmetterla anche a noi figli».

Una padre eccezionale, ha cresciuto i due figli Alberto e Daria con quella giusta severità finché erano piccoli, poi il suo rigore ha ceduto il posto a quella dolcezza diventando un nonno affettuosissimo di Michele, Giulia, Umberto, Costanza e Sofia.

Da quando aveva 16 anni ha sempre lavorato come tecnico di laboratorio della Cibagaighi a Origgio: in qualità di chimico preparava le ricette per i colori, le tinture dei filati.

I funerali avranno luogo domani, sabato 16 marzo alle 15.15 in San Giovanni

Laura Vignati

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A APRILE?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore