/ Salute

Salute | 05 gennaio 2024, 19:31

Asst Valle Olona, nuove nomine e incontri con i primari. La dg: «Voglio sviluppare il territorio e lavorare sull'attrattività degli ospedali»

La dottoressa Daniela Bianchi oggi ha incontrato i medici del presidio di Busto, dopo Saronno e Gallarate. Sulla nomina del direttore sociosanitario: «Il dottor Marino Dell'Acqua ha svolto un ottimo lavoro. Ora va in pensione, ma vedrete che il dottor Tremamondo è altrettanto valido e competente»

La dottoressa Bianchi e il dottor Tremamondo

La dottoressa Bianchi e il dottor Tremamondo

Oggi le prime due nomine dirigenziali e l'ultimo incontro con i primari. Così Daniela Bianchi, neo direttore generale dell'Asst Valle Olona, ha concluso una prima settimana di lavoro tra confronti e scelte.

Queste ultime riguardano il nuovo direttore amministrativo, Stefania Stigliano, e il direttore sociosanitario, John Tremamondo. «Nomine che ho fatto oggi - conferma la dottoressa Bianchi - Lunedì quella del direttore sanitario». Dal territorio non è mancato in queste ore un forte auspicio: e cioè che come direttore socio sanitario rimanesse Marino Dell'Acqua. Il suo ruolo, ad esempio, nel risolvere alcune gravi emergenze relative ai medici di base in Valle Olona è stato determinante: diversi sindaci hanno espresso la loro gratitudine per il suo prodigarsi.

«Il dottor Dell'Acqua ha svolto un ottimo lavoro e ora va in pensione - risponde la dg - Farà un ottimo lavoro il dottor Tremamondo, altrettanto valido e competente. Lavorerà a testa bassa per questa azienda, non ho nessun dubbio, non siate prevenuti» raccomanda. E precisa: «Il mio interesse non è certo distruggere quello che è stato costruito sul territorio. Voglio portare avanti progetti avanzati, completare il Pnrr e sviluppare i servizi nel territorio... Credo nella medicina di prossimità».

La dottoressa Bianchi nei giorni scorsi ha incontrato i primari di Saronno, poi di Gallarate e oggi quelli di Busto. Ciascuno ha fatto il punto sull'attività, anche sulle criticità. «Ci sono eccellenze che verranno sviluppate - assicura la dg - attività da svolgere, e anche interessanti, a favore dei cittadini».

Le criticità però sono sempre più evidenti e la carenza di personale affligge i presìdi in modo crescente, al netto della partita dell'ospedale unico: «Una carenza che condividiamo con tutt'Italia - osserva la dottoressa Bianchi - i professionisti possono scegliere oggi dove andare. Bisogna lavorare sull'attrattività degli ospedali. Io ho trovato persone ancora motivate e analizzerò i progetti con ognuno di loro».  

 

Ma. Lu.

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A LUGLIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore