/ Sport

Sport | 16 novembre 2023, 23:49

Sinner non si ferma più (e salva Djokovic): battuto Rune, qualificato per le semifinali Atp da primo del girone

Nessun 'biscotto' come temeva qualche maligno. Oggi l'azzurro conoscerà il suo avversario: quasi certamente uno tra Zverev e Alcaraz

Sinner non si ferma più: battuto Rune, qualificato per le semifinali Atp da primo del girone

Sinner non si ferma più: battuto Rune, qualificato per le semifinali Atp da primo del girone

Inarrestabile Jannik Sinner. Ad ogni partita l'azzurro scrive nuove pagine di storia: primo italiano a vincere due partite delle Atp Finals, già prima di scendere in campo contro Rune (complice il set perso da Djokovic ne suo incontro) primo italiano a qualificarsi per le semifinali del grande appuntamento di fine stagione, poi battendo il danese nell'ultima gara col punteggio di 6-2 5-7 6-4 ha chiuso al primo posto da imbattuto il Girone Verde, dando un'altra prova di forza.

Idolo del Pala Alpitour

Il Pala Alpitour ormai è ai suoi piedi, pronto a scattare dopo un servizio vincente piuttosto che un dritto fenomenale, se lo coccola, gli dedica cori, striscioni e si colora di arancione in suo onore non solo con gli affezionatissimi Carota Boys. Al debutto aveva vinto con autorità contro il greco Tsitsipas, nella partita più bella del torneo ha avuto la meglio (per la prima volta in carriera) su un fenomeno come Nole Djokovic e ieri non ha fatto alcun 'biscotto', come temeva qualche maligno, vincendo contro Rune al terzo set, in una partita giocata sicuramente meno bene di martedì e dovendo convivere con qualche problema fisico dalla fine del secondo: il tutto sotto gli occhi di 'bum bum' Becker, oggi allenatore dello svedese.

Nessun 'biscotto'

Perdendo in tre set Sinner sarebbe comunque stato sicuro di vincere il gruppo ma così avrebbe eliminato Djokovic, invece ha onorato il tennis e lo sport e con il suo successo ha permesso al serbo di qualificarsi come secondo del girone. Con la prospettiva magari di ritrovarsi contro di lui domenica pomeriggio nella finale.

I possibili rivali in semifinale

Ma prima c'è da vincere la semifinale, alla quale il nostro campione arriva con tutti i favori del pronostico. La giornata di venerdì ci svelerà il nome del suo avversario, il secondo del Gruppo Rosso: con ogni probabilità, uno tra Sasha Zverev (il favorito, visto che gioca contro il già eliminato Rublev) e Carlos Alcaraz, visto che viene difficile da pensare che il russo Medvedev, dopo due netti e convincenti successi, possa perdere in due set contro Alcaraz, rimettendo il gioco anche il primo posto.

Primo set a senso unico contro Rune

Accolto come di consueto dal boato del Pala Alpitour già al suo ingresso in campo, i cori "Sinner Sinner" partono già al primo cambio di campo contro Rune, perché l'azzurro inizia strappando subito la battuta al danese grazie ad un paio di risposte molto efficaci. E quando va alla battuta Janniker la tiene con irrisoria facilità, senza mai concedere nulla al rivale. Sinner in dieci minuti scappa già via sul 3-0 con un doppio break e chiude il set in 32 minuti con un 6-2 che non ammette repliche, pur non macinando alte percentuali di prime palle di servizio.

Il secondo set vede una maggiore resistenza da parte del danese, che almeno nei suoi turni di servizio riesce a trovare un pò di continuità e riesce a tenere anche negli scambi prolungati, che fino a quel momento avevano sempre premiato Sinner. Fuori programma durante il cambio di campo dopo il settimo game, quando uno spettatore viene portato via in barella forse per un improvviso malore: proprio Sinner è il primo ad accorgersene e per un paio di minuti il gioco viene interrotto.

Decisivo il break nel finale del secondo

Nessuno cede la battuta e così si arriva al 5-5, con Rune che in qualche modo tiene la battuta, mentre Sinner, dopo aver annullato due set ball, cede al terzo, superato da un lungo pallonetto che regala a Rune il punto del 7-5, che fa calare il gelo sul Pala Alpitour. 

Il terzo set vede il danese provare subito a scappare via, approfittando anche di un Sinner che pare avere qualche problema fisico, iniziando a toccarsi la schiena in più di una occasione: il pubblico si accorge delle sue difficoltà e torna a farsi sentire con grande calore, dopo alcuni minuti in cui tifo era quasi scemato. 

Sinner menomato ma vincente

La partita prosegue sui binari dell'equilibrio, ma anche con molti più errori che colpi vincenti, con un livello tennistico non minimamente paragonabile a quello della sfida contro Djokovic: Sinner non riesce a sfruttare tre palle break ma ne annulla una pensatissima a Rune sul 3-4 che avrebbe potuto potuto portare il danese a servire per il match. Invece l'azzurro si salva in qualche modo e nel turno successivo va sullo 0-40, Rune annulla due occasioni a Jannik che però indovina una volèe straordinaria che gli consente di conquistare il punto che vale il break.

L'azzurro va servire per il match e sul 40-30 un errore di Rune scatena l'ennesimo boato del Pala Alpitour, diventato la seconda casa di Sinner. La giostra continua a girare: prossima fermata sabato per le semifinali.

Massimo De Marzi da Torinoggi.it

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A LUGLIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore