/ Territorio

Territorio | 23 giugno 2023, 22:48

Samarate, la speranza della pace ritrovata e il rispetto: «Il ragazzo entrerà in comunità, si stanno producendo i documenti»

Il sindaco Puricelli ringrazia l'assessore Bertolaso e tutti coloro che hanno contribuito a tracciare la soluzione per il giovane tossicodipendente, protagonista di continui furti: «Ma non è un cane che si trova in strada e si porta in canile, servono tutte le autorizzazioni necessarie»

Samarate, la speranza della pace ritrovata e il rispetto: «Il ragazzo entrerà in comunità, si stanno producendo i documenti»

Oggi ha provato a spiegare con calma la situazione, le procedure che si stanno seguendo perché il giovane tossicodipendente che ha commesso furti ed esasperato i samaratesi, possa entrare nelle prossime ore in comunità. Più tardi il sindaco di Samarate Enrico Puricelli ha postato una bandiera bianca. Ma non perché si sia arreso: la soluzione è tracciata. Piuttosto, sono i commenti sui social che gli fanno scuotere il capo.

Perché il ragazzo ha creato danni e problemi, ma i toni di alcuni messaggi sono demoralizzanti. Continuiamo a chiamarlo “ragazzo”, e non usando il nome - c’è la privacy, eppure in rete è girato pure il cognome - ancor meno il soprannome, che lo definisce per la piccola statura e che non vorremmo più sentire considerando chi si trova nelle condizioni di quella specifica disabilità fisica. 

«Buongiorno a tutti, visto che mi state tempestando di messaggi sulla situazione del ragazzo... l’articolo che è uscito ieri mi sembrava chiaro, grazie all’assessore regionale Bertolaso finalmente è stata individuata una struttura pronta ad accogliere il ragazzo  - osserva Puricelli, precisando - avvocato, Giudice Tutelale e Cps stanno producendo i documenti necessari per il ricovero».

Si sono unite le forze per risolvere questo caso, difficilissimo, per le fragilità del giovane da una parte e le legittime aspirazioni dei samaratesi di non subire altri furti e di poter vivere in pace.

Ora occorre ancora un poco di pazienza: «Il ragazzo non è come un cane che si trova per strada e si porta in canile ed è finita lì, ci vogliono tutte le autorizzazioni necessarie».  Chi conosce bene Puricelli e il suo amore per gli animali, sa quanto non sia minimamente dispregiativa l’espressione da lui usata. Vuol solo dire che stiamo parlando di un essere umano, estremamente fragile, e di procedure che richiedono il loro tempo ma che finalmente sono state avviate.

In fondo, a gettare un po' di luce su questa buia vicenda adesso potrebbe contribuire un elemento chiave: il rispetto.

Quello che il giovane, curandosi, dovrà imparare ad avere per gli altri e le loro cose. E anche quello che pur feriti, giustamente incavolati, impauriti, bisogna cercare dentro di sé anche in situazioni così incresciose, di fronte a una persona vulnerabile. Che ha sbagliato, e tanto, e che adesso può provare a uscire da questo tunnel con l’aiuto di una comunità e ancor più di una Comunità, come è quella di Samarate.

Ma. Lu.

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A LUGLIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore