/ Storie

Storie | 27 febbraio 2022, 08:05

Da Busto alla Polonia: i 2.600 chilometri di don Giuseppe per salvare i bambini di Chernobyl

Sei piccoli hanno raggiunto la città di Lodz. Il parroco di San Giuseppe li preleverà per portarli a Busto Arsizio grazie al sostegno della sua gente: con loro anche una mamma e un neonato

Don Giuseppe con alcuni parrocchiani

Don Giuseppe con alcuni parrocchiani

Non è rimasto con le mani in mano don Giuseppe Tedesco, il parroco di San Giuseppe. Di fronte al dramma dei profughi ucraini, stamattina è partito alla volta di Lodz, a sud di Varsavia nel cuore della Polonia, per recuperare un bel po’ di bambini che aveva conosciuto quest’estate e una mamma con un neonato di 14 giorni.

Il sacerdote, sempre pieno d’iniziative, attivissimo e con una volontà di ferro, non ha pensato due volte dinanzi alla tragedia che sta colpendo l’est Europa.L’altra notte dopo aver parlato con i suoi ragazzi ucraini, non è riuscito a chiudere occhio. I suoi ragazzi piangevano: uno aveva perso la casa perché gliela avevano bombardata, lui e altri sono stati costretti a restare ammassati in due piccoli scantinati di una scuola quando sopra cadevano bombe e missili: erano più di trecento. Uno sopra all’altro. Alcuni ragazzi di Chernobyl, che il prete aveva ospitato in estate in occasione dei soggiorni climatici, sono riusciti a fuggire: hanno dovuto abbandonare i loro papà, sono arrivati in Polonia. E

don Giuseppe ha così deciso di raggiungerli. Stamattina presto è partito con due pullmini alla volta della città polacca: Lodz che conta quasi 700mila abitanti.

Duemila e seicento chilometri tra andata e ritorno, ma il sacerdote di Busto Arsizio non può abbandonarli. Così entro sera riuscirà a portare in salvo otto persone: due bambini di 9 anni, una di 11, un altro di 13, uno di 14 e di 15 anni e una giovane mamma di 23 anni che ha partorito da soli 14 giorni la sua creatura. Li ospiterà in parrocchia e nelle famiglie. I parrocchiani di San Giuseppe solidali si sono dati anche loro da fare, donando dei soldi al loro don. Che è riuscito a racimolare 500 euro per il viaggio. Un viaggio in piena regola con tutte le carte: già avvisato il commissariato e l’arcivescovo.

Laura Vignati

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A GIUGNO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore