/ Valle Olona

Valle Olona | 06 gennaio 2024, 19:55

“Staffettona della Befana”, solidarietà a bracciate

Oltre 300 nuotatori, nella piscina di Gorla Minore, per il ritorno alla formula pienamente tradizionale della manifestazione, dopo edizioni organizzate con accorgimenti anti Covid. Donazioni a “L’abbraccio onlus”, “Insieme oltre le onde”, “Asd Poseidon Sport Inclusivo”

StaffettOna della Befana, l'edizione 2024 è andata in scena alla piscina di Gorla

StaffettOna della Befana, l'edizione 2024 è andata in scena alla piscina di Gorla

I 307 partecipanti alla “Staffettona della Befana” si sono dati il cambio, nella vasca di piazza dello Sport, a Gorla Minore, per un arco temporale di circa nove ore (con i primi partenti, Le cuffie colorate).

Hanno gareggiato divisi in 35 squadre, tra team che portavano le denominazioni delle società di appartenenza e altri “battezzati” con spirito goliardico. Non mancavano formazioni in rosa (Le gattone; Le girls), a denominazione geografica tipica (Nuotatori calaBBBresi), con aspirazioni epiche (Warriors; Gli eroi dello Stretto), appartenenti a specie esotiche e/o aliene (I tonni della Val Formazza; Scimmie volanti; Gli ornitorinchi; I Galli tornano), ambasciatrici dei buoni sentimenti (La corsia dell’ammore), bisognose d’incoraggiamento (Gli scoppiati; Gli illusi).

Sessioni da un’ora, atleti impegnati in frazioni da 100 metri a rinnovare l’appuntamento, giocoso, nato in ricordo dell’allenatore Severino Rossini. A completare l’iniziativa, il servizio di massoterapia offerto dallo studio Osteopatia Rossini Cislago e il commento della superatleta paralimpica Cristina De Tullio.

L’ottava edizione della Staffettona ha consentito di raccogliere fondi per “L’abbraccio” (realtà attiva nel supporto a bambini con disturbo dello spettro autistico e alle loro famiglie), “Insieme oltre le onde” (sostiene e promuove la ricerca sull’atrasia delle vie biliari, patologia rara e grave che insorge in età pediatrica) e Asd Poseidon (si occupa di pratica sportiva per persone svantaggiate, in particolare con disabilità intellettiva, sensoriale e fisica). «Siamo qui per fare del bene – ha sintetizzato,a bordo vasca, Cristina De Tullio – oltre che, naturalmente, per divertirci».

Vittorie alle squadre Tln1 (agonisti), Gli scoppiati (master), Swim Pro (amatori), Warriors (team più giovane), Gli eroi dello Stretto (team meno giovane). A Monica Cavalli (Road Runners Club Milano) il premio per il pronostico più preciso sulla distanza totale percorsa durante la manifestazione (129.38 Km).

 

 

Stefano Tosi

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A FEBBRAIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore