/ Politica

Politica | 20 settembre 2023, 12:08

Astuti (Pd): «A luglio il servizio di Trenord ancora insufficiente»

«La Saronno-Seregno-Milano-Albairate è la Cenerentola delle linee che attraversano la provincia di Varese» rimarca il consigliere regionale del Partito democratico

Astuti (Pd): «A luglio il servizio di Trenord ancora insufficiente»

La Saronno-Seregno-Milano-Albairate è la Cenerentola delle linee che attraversano la provincia di Varese. Lo dicono i numeri, quelli dell’indice di affidabilità che, se supera la percentuale limite di 5 e in alcuni casi di 4, permette ai pendolari di vedersi riconosciuto un bonus, cioè uno sconto del 30%, sugli abbonamenti dei mesi successivi. A luglio, su questa linea il valore si è attestato al 9,39%.

“L’indice di affidabilità del servizio tiene conto di ritardi e soppressioni dei treni della direttrice. Quando il valore supera lo standard minimo previsto dai Contratti di servizio, scatta il diritto al bonus per i possessori di abbonamento ferroviario mensile, in questo caso ottobre, e annuale a Tariffa ferroviaria regionale”, spiega Samuele Astuti, consigliere regionale del Pd.

Anche sulle Domodossola-Gallarate-Milano (6,10%), Porto Ceresio-Varese-Gallarate-Milano (5,10%), Luino-Gallarate-Milano (5,40%) e Como-Saronno-Milano (4,63%, ma la base di calcolo è sul 4%) è scattato il bonus a luglio, pure laddove gli indici sono stati superati di poco. “Quello che Trenord, quindi, Regione Lombardia, concede non è un premio, ma un ristoro per i disagi subiti durante quel mese, quando ben 25 linee su 42, in tutta la Lombardia, sono risultate ancora sotto la soglia di affidabilità, calcolata su ritardi e soppressioni, appunto”, aggiunge Astuti.

“A questo punto è evidente che il livello del servizio di Trenord è ancora una volta nettamente insufficiente – insiste il consigliere dem –. Questo significa che i ritardi e le soppressioni non sono un’eccezione, ma purtroppo la regola per centinaia di migliaia di persone. Scorrendo tra i gruppi Facebook dei pendolari si incontrano utenti esasperati che a causa dei ritardi subiscono richiami al lavoro e rischiano il posto, altri che hanno dovuto ripiegare sull’auto privata. Ma per la Regione va tutto bene, le responsabilità stanno sempre altrove e il contratto di servizio con Trenord va confermato, senza gara, per altri 10 anni e con un aumento del contributo di quasi 100 milioni per anno. Assurdo”.

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A GIUGNO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore