ELEZIONI COMUNE DI OLGIATE OLONA
ELEZIONI COMUNE DI MARNATE
 / Salute

Salute | 09 maggio 2023, 10:12

Il robot chirurgico di Asst Sette Laghi asporta il primo tumore maligno al fegato

Già utilizzato in nove interventi per la rimozione dei tumori al colon-retto, il robot dell'ospedale di Circolo di Varese è ora in uso anche per le operazioni di chirurgia epatica. La prima è stata eseguita dal dottor Lorenzo Livraghi, responsabile della Struttura Semplice di Chirurgia Epato-Biliare

Il robot chirurgico di Asst Sette Laghi asporta il primo tumore maligno al fegato

Era il 17 gennaio scorso quando l'équipe della Chirurgia generale Varese 1, guidata dal Dott. Eugenio Cocozza, eseguiva i primi due interventi con l'ausilio del robot nelle sale operatorie di Asst Sette Laghi.

Grazie alla lunga esperienza acquisita dal gruppo nella chirurgia laparoscopica, frutto di 25 anni di tradizione e innovazione tecnica, da quei primi due interventi, si è rapidamente passati ad operare con l'ausilio del robot patologie oncologiche ad alta e altissima complessità, in particolare relativamente al distretto colorettale e al fegato.

Complessivamente, gli interventi già eseguiti in questi tre mesi dalla Chirurgia generale Varese 1 con tecnica robotica sono 17, di cui 9 appunto per asportare patologie maligne al colon-retto e la prima operazione di chirurgia epatica, eseguita dal Dott. Lorenzo Livraghi, Responsabile della Struttura Semplice di Chirurgia Epato-Biliare.

A spiegare il percorso così ben avviato dal suo gruppo è lo stesso Eugenio Cocozza, che tiene a sottolineare come i grandi vantaggi e le potenzialità della chirurgia robotica possono essere colti appieno solo con un percorso che coinvolge tutti i professionisti di sala operatoria.

«Quando siamo partiti, nel gennaio scorso, ci eravamo posti l'obiettivo di affinare al massimo la conoscenza del nuovo strumento per arrivare ad operare con il robot le patologie oncologiche più complesse, del retto, dello stomaco, del fegato e del pancreas - spiega - Oggi ci siamo, abbiamo raggiunto questo obiettivo. Ma ho già nuovi progetti.

All'aumentare della complessità dell'intervento, infatti, la qualità e la precisione dell'esecuzione aumentano, grazie alle potenzialità che la tecnologia offre al chirurgo, riducendo tra l'altro lo sforzo fisico dell'operatore, che si trova ad intervenire beneficiando di una posizione più comoda e di una visione 3D dell'area da operare fin nei minimi dettagli. In questo modo, possiamo già offrire ai nostri pazienti un ulteriore innalzamento della qualità del nostro servizio».

L'installazione del robot chirurgico a Varese è stata possibile grazie ad un investimento pari a circa un milione e mezzo di euro finanziato da Regione Lombardia.

Redazione

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A MAGGIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore