/ Malpensa

Malpensa | 30 novembre 2021, 15:50

Malpensa, aree delocalizzate: al via schema di accordo per la riqualificazione

Foroni: «Progetto fondamentale per valorizzare territori con legge su rigenerazione urbana». Lo schema di accordo è tra Regione Lombardia, Provincia di Varese e i Comuni di Ferno, Lonate Pozzolo e Somma Lombardo e punta a riqualificare 24 ettari di terreno

Malpensa, aree delocalizzate: al via schema di accordo per la riqualificazione

La Giunta regionale ha approvato, su proposta dell'assessore al Territorio e urbanistica, Pietro Foroni, lo schema di accordo tra Regione Lombardia, Provincia di Varese e i Comuni di Ferno, Lonate Pozzolo e Somma Lombardo che punta a riqualificare i 24 ettari circa delle aree delocalizzate di Malpensa; obiettivo dell'intesa è promuovere la realizzazione di un progetto di rigenerazione intercomunale delle aree delocalizzate di Malpensa, secondo il principio di perequazione territoriale.

«L'ambito - ha spiegato Foroni - include i territori interessati dal processo di delocalizzazione a Ferno, Lonate Pozzolo e Somma Lombardo; è parte del territorio della Provincia di Varese limitrofo all'aeroporto di Malpensa in cui, per particolari problematiche di inquinamento acustico, sono stati demoliti 208 immobili. Con questo accordo - ha aggiunto l'assessore - che è il primo applicato su territorio lombardo, andiamo a intervenire sulle aree del Varesotto libere a seguito della demolizione. Un primo caso di 'economia circolare urbana': dopo la demolizione le aree sono tornate a prato, a dimostrazione che demolire costa poco e che si possono recuperare oltre il 90% dei materiali di demolizione». 

Un'esperienza che rappresenta l'applicazione concreta della Strategia regionale di sviluppo sostenibile. «L'elemento urbanistico innovativo - ha proseguito Foroni - è rappresentato dall'applicazione della perequazione territoriale: grazie alla nuova legge sulla rigenerazione urbana, lo sviluppo insediativo sarà per lo più concentrato nella frazione di Case Nuove di Somma Lombardo. Con la ripartizione, tra tutti e tre i Comuni interessati, di alcuni vantaggi tra cui parte dei tributi fiscali comunali, degli oneri di urbanizzazione secondaria e del contributo sul costo di costruzione».

«Questa misura - ha concluso l'assessore - dimostra la grande attenzione dell'istituzione regionale verso le politiche di rigenerazione territoriale e la lotta contro il consumo di suolo». L'attuazione dell'accordo territoriale avverrà tramite successivo accordo di programma tra gli enti sottoscrittori, nel rispetto della legge regionale 19/2019.

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A MARZO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore