/ Busto Arsizio

Busto Arsizio | 08 luglio 2024, 08:00

LA STORIA. Laurea bis per don David Maria Riboldi: «Abbiamo sempre bisogno di apprendere e di essere misurati»

Il sacerdote dei detenuti fra qualche giorno conquista il secondo alloro in “Scienze dell’educazione” con una tesi sulla rieducazione dei carcerati. «Ho voluto mettermi dalla parte di chi ascolta e impara»

LA STORIA. Laurea bis per don David Maria Riboldi: «Abbiamo sempre bisogno di apprendere e di essere misurati»

«Noi preti abbiamo sempre in mano il microfono con l’obiettivo di predicare, valutare e insegnare. Perché non passare dalla parte di chi ascolta, di chi ha ancora da imparare, di chi vuole essere misurato dagli altri?»

È quello che ha fatto don David Maria Riboldi che qualche anno fa ha pensato bene di rimettersi sui banchi, rituffarsi nel mondo degli studenti, prendendo appunti, concentrandosi sulle “sudate carte” e presentandosi davanti ai prof per essere giudicato. Don David fra qualche giorno impugnerà una seconda laurea: dopo quella in teologia, ecco che il cappellano del carcere diventa dottore bis con una laurea in Scienze dell’educazione.

Ciò significa che il sacerdote sempre vicino ai carcerati sette anni fa si è iscritto alla facoltà dell’università di Bergamo e ha ripreso in mano i libri, studiando materie di carattere pedagogico, psicologico, sociologico, antropologico, filosofico. Si è dovuto anche sorbire la (per lui) noiosa statistica, insomma discipline lontane dalle sue corde. Eppure ce l’ha fatta.

Con la tenacia e la determinazione che lo contraddistinguono fin da quando era sui banchi del liceo classico di Venegono, ha portato a termine anche questo percorso, non certo semplice per un sacerdote che ha già tutta la giornata piena tra impegni in carcere, con i ragazzi e nella parrocchia di Sant’Anna. «Le notti sono lunghe – ironizza il don – Studiavo di sera, di notte e quando si avvicinava il giorno dell’esame, cercavo di ritagliarmi uno o due giorni».

Così inanellando esami su esami fra qualche giorno sarà proclamato dottore anche in scienze dell’educazione. Una laurea che va a completare la sua formazione. «Questo percorso è stato un momento di rilettura qualificata della mia esperienza educativa – confessa – Mi è piaciuto seguire le lezioni del prof Ivo Lizzola, il fondatore del volontariato in carcere e colui che ha portato in carcere l’università, ma mi sono piaciute discipline come pedagogia della marginalità, pedagogia speciale, le filosofie, antropologia culturale, pedagogia del conflitto».

E la tesi? Don David ha concluso il suo iter universitario con una tesi sulla rieducazione dei carcerati. Dunque un bell’approfondimento per un sacerdote che quotidianamente è alle prese con le difficoltà dei detenuti. «Non si finisce mai di imparare – conclude – Ma per imparare occorre mettersi nelle condizioni di apprendere. Come sacerdote ho messo la sedia non sull’altare, sul presbiterio, ma in mezzo ai fedeli, a tutti: perché sono in cammino con voi».

Laura Vignati

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A LUGLIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore