/ Territorio

Territorio | 09 maggio 2024, 09:29

Blocco Studentesco, striscioni fuori dai licei di Varese contro Valditara e Anpi

Il movimento ha affisso striscioni al Liceo classico “Cairoli” e al Liceo artistico “Frattini” per rispondere al recente rinnovo del protocollo d’intesa del Ministero dell’Istruzione con Anpi e altre associazioni partigiane

Blocco Studentesco, striscioni fuori dai licei di Varese contro Valditara e Anpi

Il Blocco Studentesco questa notte ha affisso striscioni al Liceo classico “Cairoli” e al Liceo artistico “Frattini” di Varese per rispondere al recente rinnovo del protocollo d’intesa del Ministero dell’Istruzione con Anpi e altre associazioni partigiane.

«Con questa azione - inizia la nota del movimento - abbiamo voluto sottolineare la totale inettitudine del ministro Valditara e la sua ormai completa sudditanza nei confronti di qualsiasi diktat antifascista.

La situazione attuale - prosegue la nota - è quantomeno paradossale: mentre collettivi, benpensanti da salotto e giornalisti da strapazzo ci ammorbano ad ogni piè sospinto con “il pericolo nero”, al Ministero dell’Istruzione siede un soggetto come Valditara, il quale continua a permettere ad un’associazione come l’Anpi (allargando addirittura l’intesa ad altre sigle partigiane) di indottrinare gli studenti e di portare la sua propaganda bugiarda nelle scuole. Come abbiamo detto in uno degli striscioni, non serve Scurati in TV, c’è già Valditara al ministero.

È inaccettabile - continua la nota - che mentre le scuole cadono a pezzi, mentre lo stesso ministero sta portando avanti un abominio di riforma degli istituti tecnici e professionali, mentre i ragazzi continuano a morire in alternanza scuola-lavoro, l’unica risposta che il ministro Valditara riesce a dare agli studenti è sempre il solito, vecchio e stantio antifascismo.

Noi - conclude la nota del Blocco Studentesco - non ci stiamo! E ogni volta che associazioni di questo tipo verranno coccolate dal famoso “governo più a destra della storia repubblicana”, troveranno nelle scuole e nelle strade noi che, senza abiure e senza chiedere scusa di nulla, ricorderemo loro che il sistema scolastico, per uscire dalla sua malattia terminale, non ha bisogno di riforme abominevoli o roboanti proclami di antifascismo, ma di una vera e propria rivoluzione».

c. s.

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A LUGLIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore