/ Storie

Storie | 17 novembre 2023, 11:48

Buon viaggio Azelio, artista senza confini

Azelio Corni era nato a Sesto Calende e aveva insegnato anche al liceo Artistico di Busto. Aveva esposto nel nostro territorio e in tutto il mondo: l'ultima, bellissima mostra a Venezia. Il ricordo dell'amico Pino Ceriotti

Azelio Corni nel suo studio e in un fotogramma dell'opera La processione di Pino Ceriotti

Azelio Corni nel suo studio e in un fotogramma dell'opera La processione di Pino Ceriotti

Un artista senza confini, che al nostro territorio ha dato tanto. Con la sua arte e con l'insegnamento. È partito verso il suo ultimo viaggio Azelio Corni. Nato a Sesto Calende e poi residente a Castelletto Ticino, era conosciuto a Busto Arsizio oltre per le sue opere, perché era stato professore al liceo artistico fino a una decina di anni fa. 

Classe 1948, aveva conseguito la laurea in pittura all’Accademia di Belle Arti di Brera e insegnato anche Comunicazione Visiva all’Accademia Acme di Novara, oltre che Discipline Pittoriche a Busto.

Lunghissima la lista delle sue mostre, personali e collettive in Italia e all’estero (Stati Uniti, India, Bahrain). Le sue opere sono state acquisite da enti pubblici e privati e da Istituti di credito, tra cui Ubi Banca, come si ricorda nel comunicato che riguarda la sua ultima, intensa esposizione. A Venezia poche settimane fa: In rerum natura, curata dalla figlia Caterina, con Madhu Das, indiano. Un dialogo affascinante, dentro il rapporto Uomo-Natura: «Un viaggio, quello attraverso le opere monumentali di Corni e Das, che tratteggia quindi il volto della Natura, ma insieme anche l'anima, giacché la meta è sempre il cuore dell'uomo che oscilla costantemente tra i poli di Ragione e Tragedia, pilastri fondanti della nostra civiltà».  

Lo ricorda con stima e affetto l'artista bustocco Pino Ceriotti, che su Facebook ha anche postato dei bellissimi fotogrammi, quello di un'opera che li aveva visti al lavoro insieme, "La processione". Immagini così intense e poetiche, oggi anche dal sapore profetico, tra tele e un cielo verso cui si levano le mani e lo sguardo di Azelio, con la musica dei Deep Purple.

«Ciao grande Azelio, è stato bello conoscerti e condividere mostre e progetti» si è congedato così l'amico.

Ma. Lu.

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A GIUGNO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore