/ Attualità

Attualità | 23 giugno 2023, 09:39

Sul Monte Rosa con short e sneaker: «La montagna è libertà, ma prima viene la propria sicurezza e quella degli altri»

Anche quest'anno escursionisti a oltre 4 mila metri in abbigliamento da gita al lago: il Soccorso Alpino e Speleologico posta le foto su Facebook e lancia l'allarme. «La montagna è libertà ma sui ghiacciai si procede in cordata, con calzature adeguate, ramponi e abbigliamento consono»

Sul Monte Rosa con short e sneaker: «La montagna è libertà, ma prima viene la propria sicurezza e quella degli altri»

Il Soccorso Alpino torna a lanciare l'allarme sugli escursionisti che affrontano le cime alpine senza attrezzatura adeguata. Così facendo mettono in pericolo loro stessi e i soccorritori. In un post su Facebook, il Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico del Piemonte ha pubblicato due foto scattate nel weekend a oltre 4mila metri sul Rosa nella zona del Colle del Lys.

«Prevenire senza giudicare. La Repubblica italiana affida per legge al Soccorso Alpino e Speleologico la "prevenzione degli infortuni nell'esercizio delle attività alpinistiche". Non il diritto di giudicare il comportamento di coloro che frequentano la montagna che è - e deve rimanere - un territorio di libertà. Non ci piace puntare il dito e non ci piacciono le gogne mediatiche e i leoni da tastiera» si legge nel post.

«Ma ci permettiamo di considerare imprudente il comportamento delle due persone fotografate da un nostro tecnico lo scorso fine settimana a oltre 4000 metri, nella zona del Colle del Lys sul Monte Rosa. Riteniamo che, per la propria e altrui sicurezza, sui ghiacciai si procede in cordata, con calzature adeguate, ramponi e abbigliamento consono» continuano dal Soccorso Alpino.

«Ogni incidente è provocato da una catena di fatalità e piccoli errori che scatenano una situazione imprevedibile, soprattutto in un ambiente come il ghiacciaio dove i pericoli oggettivi sono numerosi. L'attrezzatura adatta consente di ridurre le conseguenze degli eventi inattesi. Frequentate la montagna, ma con prudenza. E aiutateci a fare prevenzione senza giudicare! Noi siamo sempre operativi per soccorrere chiunque ha bisogno, in montagna e terreno impervio» concludono.

Da Ossolanews

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A LUGLIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore